Bramantino. L’arte nuova del Rinascimento lombardo
Da sempre attivo nello studio e nella valorizzazione di protagonisti della storia dell’arte legati al territorio, il Museo Cantonale d’Arte volge l’attenzione a una delle personalità più emblematiche del Rinascimento in Italia settentrionale attraverso un progetto espositivo che intende evidenziare il ruolo centrale di Bramantino nell’evoluzione artistica dell’epoca.


Bartolomeo Suardi, detto il Bramantino, Cristo risorto, 1490 ca., olio su tela

Bartolomeo Suardi detto il Bramantino (doc.1480–1530) è una figura di spicco della crisi culturale e del rinnovamento figurativo che hanno radicalmente trasformato il linguaggio pittorico in Lombardia al momento del crollo della dinastia sforzesca e dell’occupazione francese tra la fine del Quattrocento e i primi vent’anni del secolo seguente. La mostra traccia il percorso dell’artista a partire dagli esordi, dalla collaborazione con l’architetto e pittore Donato Bramante da cui ha tratto il soprannome con il quale è noto ancora oggi fino alle ultime opere conosciute tra le quali la Fuga in Egitto custodita in Ticino, nel Santuario della Madonna del Sasso a Orselina.


Bartolomeo Suardi, detto il Bramantino,Fuga d’Egitto,1515-1520

Accanto a capolavori di Bramantino, alcuni dei quali restaurati per questa occasione, provenienti da importanti istituzioni tra cui la National Gallery di Londra, la Galleria degli Uffizi di Firenze, il Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid o ancora la Pinacoteca di Brera, saranno presenti in mostra opere degli artisti con i quali Bramantino condivise la scena, dal Bergognone a Bernardo Zenale, e di quelli che raccolsero la sua eredità artistica come Bernardino Luini e Gaudenzio Ferrari.
In concomitanza con l’evento espositivo, importante occasione per riesaminare l’opera di Bramantino e degli artisti a lui contemporanei attivi in Lombardia, il Museo Cantonale d’Arte ha deciso di promuovere due giornate di studi che si terranno a Lugano il 6 e 7 novembre 2014, in cui potranno essere presentati i nuovi risultati relativi a questo ambito di ricerca.


Bartolomeo Suardi, detto il Bramantino Madonna in trono con il Bambino e santi, 1513-1518